Storia

 

Nella nostra storia c'è la nostra ragion d'essere. Nell'ambito del mercato dinamico nel quale operiamo la nostra storia rappresenta per noi, al tempo stesso, un punto fermo e una guida.    

1562

Primo documento scritto sullo «Arasker Wässerlin» di Johannes Antistes Fabricius. Fabricius comprende che il buono stato di salute generale della popolazione che vive nelle vicinanze della Val Rabiosa è da ricondurre all'acqua del luogo. Fabricius mette in relazione il consumo della «acqua acidula di Arasg» con la prevenzione dell'insorgenza del gozzo. Solo molto più tardi è stato scoperto che ciò si deve all'elevato contenuto di iodio.

1863

Le fonti vengono dimenticate fino a quando il sellaio e tappezziere di Coira Ulrich Sprecher riscopre, cercando l'oro, le fonti di acqua acidula seppellite già da diverso tempo nella gola di Rabiosa.

1874

Il capo di stato maggiore Teophil von Sprecher getta le basi per l'utilizzo commerciale delle fonti. Le acquista dal comune di Malix e a tal fine compra un terreno con una pensione.

1883

Un consorzio di Zurigo acquista le fonti insieme alle infrastrutture create nel frattempo.

1896

A Zurigo viene fondata Passugger Heilquellen AG. Venti soci sottoscrivono un capitale azionario di 300.000 franchi. Vengono realizzati un albergo con uno stabilimento curativo, percorsi escursionistici e un punto di degustazione nella gola di Rabiosa.

1914

Fino alla Prima Guerra Mondiale, lo stabilimento curativo vive un periodo fiorente con ospiti provenienti da svariati Paesi. Vengono vendute l'acqua minerale da tavola Theophil, come pure le acque medicinali e curative Ulricus, Helene, Fortunatus e Belvedra. 

Le due guerre mondiali fanno allontanare i clienti e fallire lo stabilimento curativo; la società si concentra allora sull'imbottigliamento dell'acqua minerale.

Casa di cura intorno al 1900    

La sala da pranzo

1941

Viene acquistato il diritto di utilizzo della fonte di acqua minerale Rhäzüns.

1948

Una frana distrugge lo stabilimento per l'imbottigliamento e la sala di degustazione.

1951

Nello stabilimento di produzione attuale viene effettuato il primo imbottigliamento. Negli anni 1961, 1965, 1975 e 1991 seguono quattro fasi di ampliamento.

Imbottigliamento 1951

Edificio di produzione 1951

1975

Dopo un aumento del capitale sociale, l'azienda diventa di proprietà per il 38% di un gruppo di azionisti del Canton Grigioni, per il 34% della birreria Hürlimann e per il 28% della birreria Haldengut.Dopo un aumento del capitale sociale, l'azienda diventa di proprietà per il 38% di un gruppo di azionisti del Canton Grigioni, per il 34% della birreria Hürlimann e per il 28% della birreria Haldengut.

1979

Lo stabilimento di cura viene chiuso definitivamente e l'albergo viene venduto a una scuola alberghiera e turistica internazionale.

1992

Viene imbottigliata per la prima volta l'acqua minerale liscia Allegra.

1998

Feldschlösschen Getränke AG assume la partecipazione di maggioranza e la responsabilità per vendita e marketing.

2000

Feldschlösschen Getränke AG acquisisce e integra lo stabilimento Passugger Heilquellen con le aziende di Passugg e di Rhäzüns. 

2005

Un gruppo di investitori locali rileva i marchi grigionesi Allegra e Passugger da Feldschlösschen Getränke AG e li riunisce in una società esclusivamente grigionese: Allegra Passugger Mineralquellen AG.

2007

L’immagine di Allegra viene adeguata al Corporate Design unitario. Sebbene si tratti di due fonti diverse, adesso risulta chiaro anche visivamente che Allegra e Passugger sono prodotte dalla stessa azienda.

2008

Allegra Passugger Mineralquellen AG offre ora le due acque minerali anche in bottiglie PET, rispondendo così a un’esigenza diretta dei clienti. Il moderno design è stato ideato in collaborazione con l’architetto grigionese Valerio Olgiati.

Viene fondato il Fondo Climaqua Passugger. Con ogni vendita di una bottiglia PET di Passugger o Allegra si sosterranno persone e progetti che si adoperano per una tutela sostenibile dell’acqua e del clima.

2009

Allegra Passugger Mineralquellen AG offre per la prima volta il servizio di “Private Labelling” per le bottiglie PET da 50 cl. Il cliente ha ora la possibilità di personalizzare le bottiglie con un testo, un’immagine e un logo propri.

Gli investitori locali

Nel 2005 gli investitori locali Gerhard Brunner (†, socio), Hanspeter Lebrument (socio), Jürg Riedi (VRP e socio), Urs Schmid (CEO e titolare), Thomas Metzger (CEO FSG) e Peter Andreoli (socio) rilevano i marchi grigionesi Allegra e Passugger da Feldschlösschen Getränke AG.

2016

A dicembre entra in funzione una nuova ed efficiente linea di imbottigliamento PET. In tal modo tutte le bottiglie in PET vengono ora prodotte a Passugg, con una conseguente riduzione di circa il 90% in termini di spese di trasporto per l'acquisto di bottiglie. Allo stesso tempo, viene rinnovato l'impianto di pallettizzazione e sostituito con macchinari efficienti sotto il profilo delle risorse.

2017

Il posizionamento di Allegra Passugger Mineralquellen AG viene adeguato ai valori dell'azienda.